Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

mercoledì 16 marzo 2016

Allerta alimentare, ritirato formaggio romeno per escherichia coli. Bimbo in ospedale

formaggio romeno

È stato ricoverato all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze per probabile sindrome emolitico-uremica, dopo aver mangiato del formaggio a pasta molle di origine romena. Un bambino di 14 mesi è in cura presso il nosocomio toscano. Il formaggio era stato ritirato dalla ditta SC Bradet s.r.l. il 9 marzo per contaminazione da Escherichia coli “O26:H11”.

Al momento, i servizi di sicurezza alimentare stanno cercando di accertare l'effettiva presenza del prodotto in commercio.

“La Usl invita chiunque sia in possesso di prodotti a base di latte della ditta SC Bradet s.r.l. a non consumarli e riconsegnarli al più presto all’esercizio dove sono stati acquistati”.

Spiega Firenze Today che secondo gli accertamenti svolti dalla Usl Toscana Centro, il bambino aveva consumato formaggi della ditta rumena SC Bradet, che a sua volta aveva già avviato il ritiro precauzionale dei propri prodotti a base di latte per la possibile presenza di Escherichia coli “O26:H11” in alcuni campioni.

“Tale contaminazione sarebbe riconducibile a un'epidemia che ha colpito 14 bambini in Romania dal 24 gennaio ad oggi”.

Anche il Ministero della Salute ha diramato l'allerta alimentare, indicando le città italiane in cui sono stati venduti i prodotti di SC Bradet, tra cui Roma, Montoro (AV), Rieti e Città Quarrata (PT).

Coldiretti e Codacons sono subito scesi in campo. Secondo Coldiretti, nel 2015 sono raddoppiati gli arrivi in Italia di formaggio dalla Romania, con quasi 1,6 milioni di chilogrammi di prodotto, il massimo storico per le importazioni di prodotti caseari dal paese. La Coldiretti chiede che venga resa immediatamente obbligatoria l’indicazione di origine in etichetta di tutti i formaggi e quella.

“Si tratta di un episodio grave che mette in gioco la sicurezza alimentare e la salute dei cittadiniha detto il Presidente del Cocacons Carlo RienziIn base al principio di precauzione le autorità sanitarie devono eseguire ispezioni in tutti gli esercizi commerciali per verificare se siano attualmente in vendita formaggi di provenienza romena potenzialmente pericolosi per i consumatori. Una volta accertati i fatti, se saranno ravvisate responsabilità di qualsiasi tipo, il Codacons avvierà azioni risarcitorie nei confronti di tutti i soggetti responsabili di potenziali pericoli per la salute umana”.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

ALLERTA ALIMENTARE: TRANCE DI PALOMBO CON PRESENZA DI MERCURIO RITIRATE DALLA COOP

ALLERTA ALIMENTARE: FRAMMENTI METALLICI NELLA SALSICCIA DI ESSELUNGA

...continua sulla fonte http://ift.tt/1Mm6Ohv che ringraziamo. http://ift.tt/21uOAB7

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.