Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

mercoledì 9 marzo 2016

Creato il polpastrello bionico che permette di ritrovare la sensibilità alle dita (VIDEO)

protesi tatto

Una protesi bionica con tanto di dita sensibili al tatto, non è più solo fantascienza ma sta diventando realtà grazie al lavoro di un team italo-svizzero.

Scienziati specializzati stanno già da anni lavorando alla creazione di nuove protesi in grado di restituire non solo mobilità ma anche sensibilità. Il primo dito bionico al mondo, dotato di polpastrello sensibile, è stato già applicato a una persona che aveva subito un’amputazione. Si tratta di Dennis Aabo Sørensen, che grazie al dito artificiale dotato di sensori e connesso ad alcuni elettrodi impiantati chirurgicamente nei nervi del braccio è stato in grado di distinguere, in tempo reale, superfici ruvide da superfici lisce nel 96% delle prove sperimentali effettuate.

Questo il commento di Sørensen dopo la straordinaria esperienza di cui è stato protagonista: "Percepivo la stimolazione quasi come quella che avrei potuto sentire con la mia mano e ancora sento la mia mano mancante, è come se avessi il pugno chiuso. Con il dito artificiale ho sentito le sensazioni sulla punta del dito indice della mia mano fantasma".

L’uomo di origini danesi era già stato coinvolto in un precedente studio in cui gli impianti erano stati connessi alla protesi di una mano sensorizzata grazie alla quale era riuscito a riconoscere forma e morbidezza degli oggetti. Questa volta però si è fatto un ulteriore passo avanti riuscendo a migliorare la percezione tattile.

Gli scienziati hanno effettuato lo stesso esperimento anche su persone non amputate. In questo caso non c’è stato bisogno di fare un vero e proprio intervento chirurgico ma è bastato passare l’informazione tramite sottili aghi microneurografici inseriti temporaneamente in un nervo del braccio. Anche qui il team ha riscontrato ottimi risultati: i non amputati sono riusciti a distinguere le superfici rugose da quelle lisce nel 77% dei casi.

{youtube}Ebd_Yc0oDZI{/youtube}

L’innovativa ricerca che ha ottenuto risultati sorprendenti è opera dell'Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e dell'École Polytechnique Fédérale de Lausanne in Svizzera, ma si è avvalsa anche della collaborazione dell’Università di Pisa, Ircss San Raffaele Pisana, Università Cattolica del Sacro Cuore e Università Campus Bio-Medico di Roma.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

LA PROTESI CON LA PELLE ARTIFICIALE CHE 'SENTE' 

...continua sulla fonte http://ift.tt/24QFuTT che ringraziamo. http://ift.tt/1QH02YS

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.