Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

lunedì 14 marzo 2016

Cudduraci calabresi, la ricetta del tradizionale dolce pasquale

cudduraci calabresi

Non esiste Pasqua che si rispetti a Reggio Calabria senza il tipico dolce della tradizione: i cudduraci detti anche nguti o cuzzupe.

In passato questi dolci pasquali venivano preparati per essere mangiati il lunedì dell’Angelo durante la gita fuoriporta. Secondo la tradizione grecanica, quella ancora viva nei paesini della costa jonica calabrese, i cudduraci venivano regalati dalla fidanzata al proprio uomo nel giorno di Pasqua. Più grandi e ricchi di uova erano, più era l'amore provato per l'altra persona. 

Ecco la ricetta dei cudduraci calabresi

Ingredienti

Per l'impasto

1 kg. di farina
4 uova
300 g. di zucchero di canna 
350 g. di burro
3 bustine di vanillina
lievito per un Kg. di farina
la buccia grattugiata di un limone

Per la decorazione
Diavoletti colorati
chiodi di garofano o chicchi di caffè 
uova sode q.b. 
2 uova

Per l'impasto. Create sulla spianatoia una fontana di farina, al centro aggiungete le uova intere, lo zucchero di canna, il burro sciolto in precedenza, la vanillina, la buccia grattugiata del limone e infine, il lievito. Impastate bene con le mani tutti gli ingredienti delicatamente, cercando di formare una pasta morbida, compatta e omogenea.

Come preparare i cudduraci. Infarinate la spianatoia e tirate la pasta con il matterello, lo spessore dovrà essere di almeno 1 centimetro. Una volta fatto, iniziate a creare le forme che preferite. I cudduraci tradizionali sono a forma di cestino, di cuore, di colomba, di pesce, di palma e vengono solitamente abbellite utilizzando la rotellina. Dove necessario potete utilizzare i chiodi di garofano o i chicchi di caffè (per esempio per fare gli occhi del pesce). 

Completate le forme, posizionate le uova sode su di esse e ricopritele con strisce di pasta incronciandole. Sbattete le uova e spennellate i cudduraci cospargendoli di diavoletti colorati ( a vostro gusto). Infornate a 200 gradi per 20 minuti facendo attenzione a non farli scottare in superficie.

E voilà, i nostri cudduraci calabresi sono pronti! Buon appetito

Dominella Trunfio

Foto: ciakcucina

LEGGI anche:

Pranzo di Pasqua: 10 alternative cruelty free all'agnello

...continua sulla fonte http://ift.tt/1RJdasP che ringraziamo. http://ift.tt/1V6oc0P

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.