Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

giovedì 17 marzo 2016

Inquinamento: Oms, provoca nel mondo 1 decesso su 4

Inquinam

Inquinamento : nel mondo un decesso su 4 è da collegarsi a cause ambientali e potrebbe essere evitato. Sono 12,6 milioni le morti all’anno, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), provocate da malattie e lesioni legate ai rischi ambientali.

 È quanto emerge dalla seconda edizione del rapporto “Preventing disease through healthy environments” (la prima valutazione globale dei rischi ambientali per la salute l’Oms la rese pubblica nel 2006), secondo il quale i più colpiti sono i Paesi a basso e medio reddito del Sud-Est asiatico e le regioni del Pacifico Occidentale. Ma non si scherza in Europa, dove nel 2012 l’esposizione a fattori di rischio ambientale legati al luogo in cui si vive o si lavora è costata la vita a 1,4 milioni di persone.

Inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo, e poi esposizioni chimiche, cambiamenti climatici e radiazioni ultraviolette sono i fattori di rischio ambientale che contribuiscono in larga misura all’insorgenza di più di 100 malattie e danni alla salute. Le dieci principali malattie considerate nello studio sono ictus, cardiopatie ischemiche, lesioni involontarie come ad esempio incidenti stradali, tumori, malattie respiratorie croniche, malattie diarroiche, infezioni delle vie respiratorie, condizioni neonatali, malaria, lesioni volontarie come ad esempio i suicidi.

A pagarne il prezzo maggiore sono ovviamente i bambini e gli anziani: ogni anno 1,7 milioni di piccoli al di sotto dei cinque anni e 4,9 milioni di persone tra i 50 e i 75 anni muoiono per motivi che potrebbero essere evitati se solo si gestisse meglio l’ambiente. Infezioni delle basse vie respiratorie e malattie diarroiche per i bambini e malattie non trasmissibili per i più anziani sono le cause più comuni.

Un ambiente sano è alla base di una popolazione sanadice Margaret Chan, direttore generale dell’Oms. Se i Paesi non intraprendono al più presto azioni volte a ridurre l’inquinamento e migliorare le condizioni dell’ambiente in cui si vive e si lavora, in milioni continueranno ad ammalarsi e a morire prematuramente”.

Eppure di azioni concrete da attuare subito ce ne sarebbero, perché non ci si dà una mossa? Il nuovo rapporto dell’OMS indica, per esempio, che usare tecnologie e combustibili puliti per le attività di tipo domestico come cucinare, o per il riscaldamento e l’illuminazione delle case, permetterebbe di ridurre le infezioni respiratorie acute, le malattie respiratorie croniche, le malattie cardiovascolari e le ustioni.

Anche se si consentisse l’accesso all’acqua potabile e a servizi igienici adeguati o si promuovessero semplici azioni come esempio lavarsi le mani regolarmente ridurrebbe di molto l’incidenza delle malattie diarroiche. In più, una efficace legislazione contro il fumo ridurrebbe l’incidenza di malattie cardiovascolari e di infezioni respiratorie, mentre migliorare la circolazione urbana significherebbe ridurre le malattie connesse all’inquinamento dell’aria.

Quanto all’Italia, già un rapporto dell’Agenzia europea dell’Ambiente (Aea) affibbiò al nostro Paese la maglia nera per morti premature da inquinamento. Lo smog, insomma, è in grado di ridurre l’aspettativa di vita provoca la comparsa di gravi malattie, come problemi al sistema respiratorio, cancro e patologie cardiocircolatorie.

Non sono dati da poco né numeri da prendere sottogamba. Eppure ogni volta rapporti simili sembrano solo un sasso lanciato nell’oceano...

Germana Carillo

LEGGI anche:

Inquinamento killer: all'Italia la maglia nera per le morti premature

Inquinamento atmosferico: solo in Italia provoca 30mila decessi all'anno

Inquinamento atmosferico: per l'Oms provoca 7mln di morti l'anno

...continua sulla fonte http://ift.tt/1RoBn7l che ringraziamo. http://ift.tt/21wUkdH

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.