Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

mercoledì 23 marzo 2016

Isola dei maiali, tutta la verità: Big Major Cay non è un paradiso (VIDEO)

pig island 1

E’ soprannominata Pig Island ed è nota in tutto il mondo come un vero e proprio paradiso per i maiali. Ma a quanto pare la realtà è ben diversa. Michelle Cehn, fondatrice di World Of Vegan, è stata sull’isola e ha scoperto la verità.

Vi avevamo parlato di Big Major Cay come di un isola in cui i maiali vivono liberi e felici allo stato brado crogiolandosi sulla spiaggia bianca e nuotando tra acque cristalline. Michelle Cehn ha trascorso sull’isola la Luna di Miele e ha deciso di rendere noto al mondo ciò che ha visto.

Michelle ha raccontato che l’isola è popolata soprattutto da maialini che soffrono la fame e che appaiono in cattive condizioni, tra segni e graffi sulla testa, sporcizia e manto rovinato, probabilmente per l’eccessiva esposizione al sole.

In quel momento ha ricordato che durante una visita a Farm Sanctuary lo staff le aveva spiegato che durante l’estate è necessario proteggere i maiali con la crema solare perché la loro pelle è molto sensibile e rischia di scottarsi. I maiali di Pig Island soffrono a causa delle scottature provocate dall’eccessiva esposizione al sole molto forte dei Caraibi.

I maiali trascorrono quasi tutto il tempo sulla spiaggia dell’isola, perché è proprio là che riescono a trovare del cibo. Pensavate che Pig Island fosse popolata da decine di maiali? Pare non sia così, dato che Michelle ne ha contati appena 20 o 25 in totale, tutti cuccioli, femmine o esemplari molto giovani.

Ciò perché per evitare il sovrappopolamento dell’isola i maiali vengono uccisi, altrimenti sarebbero troppi, potrebbero diventare aggressivi e rappresentare un pericolo per i turisti, secondo le testimonianze raccolte da Michelle. Pensavamo che su quest’isola i maiali vivessero in libertà e non venissero sfruttati e, soprattutto, Michelle aveva scelto questa destinazione per il suo viaggio di nozze perché sperava di trovare sull’isola un vero e proprio santuario per gli animali.

Le foto e i video di Pig Island che troviamo online dipingono l’isola come un luogo idilliaco ma purtroppo non è così, almeno secondo questa testimonianza. Pig Island non è un paradiso per i maiali liberi ma una mera attrazione turistica che sfrutta la presenza di questi animali sulla spiaggia per attirare i viaggiatori.

pig island 2

pig island 3

pig island 4

pig island 5

pig island cover

L'isola non è molto diversa da un acquario, da un delfinario o da uno zoo. Le guide turistiche locali, le agenzie di trasporto via mare dei Caraibi e i resort sfruttano l’isola per attirare turisti che pagherebbero qualunque cifra per nuotare con i maiali e scattarsi un selfie.

Sull’isola non c’è nessuno che si prenda cura dei maiali e del loro benessere e che porti loro da mangiare regolarmente. L’unico modo per boicottare le agenzie turistiche che approfittano della situazione è non visitare Pig Island e scegliere come meta dei luoghi dove ci si prende cura realmente degli animali.

{youtube}bXu05QQKI0k{/youtube}

Marta Albè

Fonte foto: World Of Vegan

Leggi anche:

frecciaBIG MAJOR CAY/BAHAMAS: L'ISOLA DEI MAIALI LIBERI 

frecciaMAIALI: NUOVO VIDEO SHOCK DENUNCIA L'ORRORE DELL'ALLEVAMENTO INTENSIVO CHE RIFORNISCE LA PIÙ GRANDE CATENA DI SUPERMERCATI IN USA

frecciaTHE LAST PIG: L'EX-ALLEVATORE DI MAIALI CHE OGGI SALVA GLI ANIMALI DAL MACELLO (VIDEO)

...continua sulla fonte http://ift.tt/1WI0pCS che ringraziamo. http://ift.tt/1Zs7qcV

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.