Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

mercoledì 16 marzo 2016

La ciambella, il dolce della tradizione pasquale romagnola

ciambella romagnola 00

In Romagna è possibile imbattersi in un dolce semplice e gustoso, che è immediatamente sinonimo di festa e tradizione: è la ciambella, che le nonne impastavano con cura alla vigilia della Pasqua, per poi servirla per la colazione del giorno dopo, ma che oggi viene preparata per celebrare qualsiasi ricorrenza.

A dispetto del nome, la ciambella è un dolce senza buco, ha la forma di un filoncino ovale e può essere decorata con granella di zucchero, con zucchero semolato o anche, volendo rendere la ricetta più estrosa e attuale, con confettini e codette colorate.

È un dolce rustico, che affonda le sue radici nella tradizione contadina, ed è piuttosto semplice da preparare. E può essere gustato in ogni momento della giornata: a colazione, a merenda o anche dopo i pasti, magari intinto in un bel bicchiere di Cagnina o di Albana dolce.

Ingredienti

Per l’impasto:

500 g di farina biologica
125 g di olio di oliva
200 g di zucchero di canna
3 uova
1 bustina di cremor tartaro
Scorza grattugiata di mezzo limone
Latte tiepido q.b.

Per decorare:

Zucchero, granella, confettini o codette


Preparazione

In una ciotola capiente unite farina e cremor tartaro, mescolandoli bene. Quindi formate una fontana con, al centro, le uova e lo zucchero. Impastate il tutto con le mani, aggiungendo la scorza di limone e, un po’ alla volta, l’olio. L’impasto risulterà piuttosto duro e dovrà essere ammorbidito versando un po’ di latte a filo, fino ad ottenere una consistenza leggermente superiore a quella di una crema.

Dividete l’impasto in due parti e, su una teglia da forno, formate due filoncini ovali alti circa 3 cm e cospargeteli con abbondante granella (oppure con zucchero/confettini/codette).

Cuocete in forno a 170° per circa 30-40 minuti: la vostra ciambella sarà pronta quando la sua superficie sarà dorata e, inserendo lo stuzzicadenti nell’impasto, lo ritroverete asciutto.

Se chiusa in un sacchetto ermetico, la ciambella si può conservare per circa una settimana.

Lisa Vagnozzi
Photo Credits

LEGGI anche

Torta pasqualina: la ricetta tradizionale per prepararla in casa (e le varianti)

...continua sulla fonte http://ift.tt/1U7dW9F che ringraziamo. http://ift.tt/1nNVe8w

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.