Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

martedì 29 marzo 2016

La riscoperta del babywearing: sempre più mamme (e papà) portano i loro bimbi

babywearing2

Forse vi sarà capitato di vedere in giro mamme o papà che “portano” i loro bambini senza usare carrozzine o passeggini. Come? Grazie ad apposite fasce o a supporti strutturati (tipo marsupio). In questi ultimi periodi stiamo vivendo infatti una vera e propria riscoperta del babywearing, l'antica pratica di portare i propri figli addosso a se', un modo di vivere ad alto contatto con i propri bimbi che fa bene a grandi e piccini.

I lati positivi del portare in fascia sono davvero tanti: permette alla mamma o al papà di muoversi liberamente anche in posti inaccessibili ai passeggini; fa sentire protetto e sicuro il bambino che ritrova la posizione e il calore percepito nei nove mesi in cui è stato nella pancia della mamma; crea legami profondi tra genitori e figli e tanto altro. C’è addirittura chi è riuscito a risolvere in questo modo uno dei problemi più ricorrenti e fastidiosi dei primi mesi di vita dei bimbi: le colichette!

Leggi anche:

frecciaBabywearing: 10 vantaggi del portare i bambini in fascia

frecciaColiche neonati: le cause e 8 rimedi

Per tutte queste motivazioni e per la bellezza di sentire i propri figli “cuore a cuore” sono sempre di più i genitori italiani che scelgono il babywearing. Secondo uno studio condotto da Licia Negri, autrice del libro “Lasciati abbracciare” dedicato proprio al babywearing, su un campione di circa 1300 persone intervistate sul tema “portare” un buon 75% sta utilizzando fasce porta bebè e il 17% le ha già usate in precedenza, mentre il 7% è orientato a iniziare presto.

Perché scelgono questa pratica di origine antica e molto popolare tutt’oggi nei paesi africani e asiatici? Semplice, 'perché è salutare' nel 60% dei casi, una maggioranza legata all'87% lo pratica 'perché ama stare a contatto con il bebè', un altro 83% lo trova anche molto comodo. Il 98% poi è convinto che il bambino ne tragga assoluto beneficio, visto che si calma con facilità e in molti casi si rilassa e si addormenta.

Importante però scegliere la fascia più adatta alle proprie esigenze o il giusto supporto strutturato che deve essere ergonomico ovvero sostenere il bambino nella posizione corretta garantendo una seduta in cui le ginocchia siano leggermente più alte del culetto, evitando in questo modo di far scaricare il peso del corpo sui genitali (come purtroppo invece avviene nel caso di alcuni noti e diffusi marsupi).  Se volete conoscere i diversi tipi di fasce in commercio, avere qualche consiglio su come sceglierle e indossarle, leggete QUI.

Tenete presente poi che esistono consulenti del portare (alcune gratuite altre a pagamento) che potranno darvi molti consigli utili e insegnarvi anche le legature più complicate per portare i vostri bimbi davanti o sulla schiena.

Leggi anche: frecciaMarsupi porta-bebé: 5 cose da sapere prima di acquistarne uno

Diversi anche i gruppi di Facebook dedicati al mondo di fasce e marsupi. Tra i più noti sicuramente Piazzetta Babywearing dove è possibile chiedere consigli sul tema del portare e vendere o scambiare i propri supporti.

C’è un vero e proprio mondo dietro al portare, lasciatevi coinvolgere. I vostri bimbi vi ringrazieranno!

Francesca Biagioli

Photo: alternative-mama.com

Leggi anche:

frecciaBabywearing: portare i bimbi in fascia fa bene (anche ai genitori)

...continua sulla fonte http://ift.tt/1Uz7qsA che ringraziamo. http://ift.tt/1MPmB8O

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.