Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

venerdì 11 marzo 2016

Quanti antibiotici ci sono nella carne di pollo in Italia? Tutta la verità in un’infografica

allevamenti polli antibiotici italia

Antibiotici negli allevamenti di polli in Italia. La carne che gli italiani portano in tavola è sicura? Come vengono trattati davvero i polli negli allevamenti a terra? Ve ne avevamo già parlato qualche tempo fa, ma la questione non è chiusa. Infatti di recente il Ministero della Salute ha pubblicato un rapporto preoccupante sulla resistenza agli antibiotici dei batteri negli allevamenti avicoli.

Il rapporto del Ministero della Salute rivela la presenza di livelli molto alti e preoccupanti di antibiotico-resistenza nelle carni di pollo. Per questo motivo e per rispondere alla propaganda dell’industria avicola sul ‘pollo sano e Made in Italy’, CIWF ha deciso di lanciare un’infografica per spiegare la realtà che si nasconde dietro gli allevamenti intensivi di polli.

In particolare CIWF si chiede se ci sia da andare fieri del Made in Italy nel settore avicolo e cosa voglia dire davvero che i polli vengono allevati a terra. Come sono e come vivono i polli che finiscono nei piatti degli italiani che mangiano carne?

Secondo CIWF l’industria cerca di rassicurare i consumatori con informazioni fuorvianti, vantandosi della denominazione Made In Italy. Purtroppo però pare che negli allevamenti italiani di polli non sia tutto rose e fiori.

Dall’infografica di CIWF capiamo che i polli vengono allevati in condizioni davvero estreme, dove del benessere animale non c’è nemmeno l’ombra. Dal rapporto del Ministero della Salute e dall’esame di 709 campioni di pollo è infatti emerso che:

1) Il 12,69% dei campioni è risultato positivo alla presenza di Salmonella spp., una delle cause più frequenti di tossinfezioni alimentari nel mondo industrializzato e in Italia.

2) Il 72,92% dei campioni si è rivelato positivo alla presenza di Campylobacter spp., la prima causa di zoonosi trasmesse dagli animali all’uomo in Europa il cui numero di casi è probabilmente sottonotificato in Italia.

3) Il 95,40% dei campioni è risultato positivo alla presenza di Escherichia coli (un microrganismo commensale che vive in simbiosi nell’intestino, ma che in particolari condizioni può divenire un patogeno opportunista) e ad alte contaminazioni (81,33%) da E. coli produttori di ESBL/AmpC, batteri che, secondo la relazione ministeriale, “destano preoccupazione per la salute pubblica, sia per la loro capacità di trasmettere i determinanti di resistenza ai principali agenti zoonosici (Salmonella) che per le loro potenzialità di agenti patogeni opportunisti nell’uomo”.

A destare preoccupazione sono anche gli alti livelli di resistenza, anche multipla, agli antibiotici, compresi quelli di importanza critica per l’uomo. L’antibiotico-resistenza dei batteri negli ultimi anni sta preoccupando tutto il mondo e ormai è chiaro che una parte del problema deriva proprio dall’abuso di antibiotici negli allevamenti intensivi oltre che per la cura dei pazienti.

Nello specifico, ad esempio, il 90,04% degli isolati di Campylobacter jejuni ha mostrato resistenza ai fluorochinolonici e il 5,36% ha mostrato resistenza multipla.

Secondo la Federazione Nazionale Ordine Veterinari Italiani (FNOVI) “i risultati rappresentano una situazione alquanto allarmante soprattutto per alcuni antimicrobici quali tetracicline, sulfamidici, amminopenicilline e chinolonici”.

CIWF evidenzia che in Italia ogni anno vengono allevati circa 500 milioni di polli “da carne”, la stragrande maggioranza dei quali in allevamenti intensivi, del tutto simili a quelli degli altri paesi europei. Stipati in capannoni a decine di migliaia con cicli di vita brevissimi (39-42 giorni), selezionati per crescere in maniera abnorme e sviluppando per questo diverse gravi patologie, tenuti in vita grazie ad un massiccio uso di antibiotici, questi animali sono venduti a prezzi sempre più bassi e sono ormai considerati soltanto una merce.

allevamenti polli antibiotici infografica

- guarda qui l'infografica completa di CIWF -

In particolare, l’uso di antibiotici negli allevamenti di pollo è quasi sempre sistematico: basta infatti che un solo animale si ammali e tutto il gruppo di decine di migliaia di animali deve essere trattato preventivamente, compresi gli animali sani. Considerando le altissime densità e le cattive condizioni di salute degli animali, derivanti anche dalla selezione genetica, le probabilità che gli animali sviluppino patologie è altissima e, di conseguenza, anche l’uso di antibiotici.

Per chi consuma carne, il fatto che un pollo sia ‘Made In Italy’ non è più una garanzia di qualità quando proviene da un allevamento intensivo. Dal punto di vista del maltrattamento degli animali la situazione resta molto grave, con polli che continuano a vivere stipati in pochi metri quadrati senza la possibilità di razzolare all'aperto in ampi spazi, come vorrebbe la natura, il tutto celato dietro l’alibi dell’allevamento a terra.

Proprio oggi dal Parlamento Europeo arriva una notizia incoraggiante per quanto riguarda la limitazione dell'abuso di antibiotici negli allevamenti. Data la gravità della situazione, l'Europarlamento ha infatti stabilito che è necessario limitare l'uso dei farmaci antimicrobici esistenti e sviluppare nuovi medicinali. 

La proposta mira ad aggiornare la normativa europea in materia di medicinali a uso veterinario e il Parlamento chiede di vietare il trattamento antibiotico collettivo e preventivo degli animali e di prendere misure atte a stimolare la ricerca di farmaci di nuova generazione.

Cosa ne pensate? La situazione migliorerà?

Leggi qui il rapporto del Ministero della Salute sugli antibiotici negli allevamenti di polli in Italia.

Marta Albè

Leggi anche:

...continua sulla fonte http://ift.tt/1pB7URJ che ringraziamo. http://ift.tt/1XhCGJX

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.