Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

giovedì 10 marzo 2016

Reddito di cittadinanza: al via la sperimentazione in Canada

dollaro canadese 00

Lo stato canadese dell’Ontario ha messo nero su bianco nel documento ufficiale di bilancio 2016 la volontà di sperimentare il reddito di cittadinanza,  e cioè la corresponsione a tutti i cittadini, a prescindere dalla loro situazione economica, patrimoniale o familiare, di un contributo mensile in denaro.

Secondo i suoi sostenitori, il reddito di cittadinanza contribuirebbe a ridurre il peso della burocrazia e garantirebbe a tutti i cittadini un livello di supporto di base, in modo da combattere più efficacemente povertà ed emarginazione. Secondo i suoi detrattori, invece, la misura rischierebbe di tradursi in uno spreco di denaro pubblico e in un deterrente alla ricerca di lavoro per i non occupati.

Per il momento, l'Ontario non ha diffuso ulteriori dettagli: il progetto è probabilmente tutto da definire, visto che nel documento di bilancio si legge che il Governo lavorerà con le comunità, con i ricercatori e tutte le altre parti interessate per capire come meglio impostare la sperimentazione.

Il reddito di cittadinanza, infatti, può avere forme e applicazioni diverse: può ad esempio andare a sostituire il sistema di sussidi e benefici già previsto da uno Stato, oppure sommarsi ad esso o a parti di esso. E, ovviamente, non esiste una regola sulla cifra che andrebbe corrisposta mensilmente ai cittadini.

“Mentre l'economia dell'Ontario cresce," - si legge nel documento di bilancio dello stato canadese - "il Governo mantiene l'impegno di non lasciare indietro nessuno. Prevedere una rete efficace di sicurezza sociale è parte del più ampio sforzo compiuto dal Governo per ridurre la povertà e garantire l'inclusione nella comunità e l'economia."
“Il progetto pilota metterà alla prova un punto di vista sempre più sostenuto in patria e all’estero, secondo cui il reddito di base potrebbe [...] fornire un sostegno più consistente e affidabile nel contesto estremamente dinamico dell’attuale mercato del lavoro." - prosegue il documento - "Il pilota avrà anche il compito di verificare se il reddito di base sia uno strumento più efficiente per sostenere il reddito dei cittadini, rafforzi la partecipazione al mercato del lavoro e consenta di conseguire risparmi da poter utilizzare in altri settori, come l’assistenza sanitaria o le abitazioni.”

Esponenti del Governo federale canadese si sono detti a favore di una discussione sul reddito di cittadinanza e hanno assicurato che presteranno attenzione alla sperimentazione che avrà luogo in Ontario e alle sue conclusioni.

La scelta del Governo dell'Ontario si aggiunge a quella già compiuta dalla Finlandia, che a fine 2015 ha annunciato il lancio, entro il 2016, di una sperimentazione sul reddito di cittadinanza, per testarne la sostenibilità e la fattibilità.

Lisa Vagnozzi

LEGGI anche

La Finlandia si prepara a sperimentare il reddito di cittadinanza

...continua sulla fonte http://ift.tt/24SEWwH che ringraziamo. http://ift.tt/1QOG8rm

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.