Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

mercoledì 9 marzo 2016

Tilikum, l’orca di Blackfish rischia di morire a SeaWorld

orca

Tilikum, l'orca di SeaWorld protagonista del documentario "Blackfish" che racconta la vita degli animali marini in cattività, ha un’infezione batterica polmonare che potrebbe causarne la morte.

Siamo rattristati di annunciare che nel corso delle ultime settimane, il comportamento di Tilikum è diventato sempre più letargico e i veterinari sono preoccupati seriamente per la sua salute, si legge sul sito di SeaWorld.

Da qualche tempo, infatti, Tilikum ha un’infezione polmonare cronica e sul suo futuro non aleggia ottimismo.

I nostri veterinari stanno cercando di gestire al meglio la malattia cercando di arginare le sofferenze dell’orca. Come per tanti altri animali più vecchi di Tilikum – che ha 35 anni – i problemi di salute significativi non mancano. Continueremo a tenere aggiornati i suoi fan sul nostro sito, spiegano i funzionari. 


Tilikum è un’orca nata in cattività, prima di arrivare in questo parco acquatico viveva, infatti, a Sealand in Canada. Dopo la sua chiusura, dal 1992 è diventata purtroppo la protagonista di spettacoli subacquei quotidiani.

Nel 2013 questo mammifero – che è il più grande che vive in un parco zoologico – aveva mostrato nel documentario "Blackfish" della CCN un ritratto inquietante delle orche allevate in cattività.
Non erano di certo mancate le polemiche e le risposte secche di SeaWorld che aveva definito il film "falso, fuorviante e a favore di una propaganda emotivamente manipolatrice".

orca2

In realtà, subito dopo, la denuncia del documentario e il sostegno degli attivisti ambientalisti, la Commissione costiera della California aveva approvato un piano di finanziamento per far sì, che le vasche delle orche, fossero di dimensioni maggiori ponendo anche la clausola che nel parco non potessero essere allevati più di 11 mammiferi di questa specie.

SeaWorld di recente ha annunciato che potrebbe scartare il pano di espansione e finirla per sempre con gli spettacoli marini creando un “parco più naturale” per gli animali.

Secondo noi, l’unico "parco più naturale" sarebbe l’oceano, ovvero l’habitat in cui l’orca dovrebbe nuotare. Sicuramente stare in una vasca non ha aiutato Tilikum a vivere serenamente, generando in lui un comportamento sempre ripetitivo. E spettacoli come questo che vediamo nel video non dovrebbero esistere.

{youtube}obASy3OL_v8{/youtube}

Questo stress però non ha danneggiato solo l'animale, nel 2010 l’orca aveva ucciso l’allenatore Alba Brancheau e altri due incidenti si erano verificati nel 1991 e nel 1999.

La storia dolorosa di Tilikum dovrebbe far riflettere: basta con trucchi, acrobazie e spettacoli, lasciamo gli animali liberi cercando di non reprimere la loro vera indole.

Dominella Trunfio

Foto: Phelan M. Ebenhack / AP

LEGGI anche:

VITTORIA PER I DELFINI: ZOO E ACQUARI GIAPPONESI NON COMPRERANNO PIU' ESEMPLARI DI TAIJI

SEQUESTRATI DUE ZOO IN SARDEGNA: LE IMMAGINI CHOC DEGLI ANIMALI (FOTO)

...continua sulla fonte http://ift.tt/1nwpHHW che ringraziamo. http://ift.tt/1XcGwnt

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.