Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

giovedì 24 marzo 2016

Una barriera di lana per salvare il mare dal petrolio (VIDEO)

geolana mare sardegna

Gli sversamenti di petrolio sono tra i più gravi problemi per l’inquinamento dei nostri mari. Come intervenire per proteggerli? In Sardegna è nata Geolana, una barriera di lana per salvare il mare dal petrolio.

La barriera di lana vergine di pecora è stata realizzata in collaborazione con l’Università di Cagliari. E’ in grado di attirare i microrganismi utili per depurare il mare e di assorbire le particelle di idrocarburi.

Nel mare della Sardegna il problema dello sversamento di idrocarburi è legato soprattutto all’attracco giornaliero di numerose navi nei porti dell’isola. L’idea è di utilizzare la barriera Geolana soprattutto nei porti, nei porticcioli, nelle zone costiere e nelle aree di pesca.

La barriera di lana è riutilizzabile più volte. Servirà per proteggere l’ecosistema marino, gli animali e i vegetali che lo popolano ma anche – almeno si spera – per riabilitare quelle aree che al momento non sono balneabili a causa dell’inquinamento.

Geolana è considerato un depuratore molto efficiente, dato che 1 solo kg di questo materiale tessile è in grado di assorbire dai 7 ai 14 kg di idrocarburi. Una volta inserito in un tratto di mare, Geolana riesce a biodegradare due terzi dell’inquinamento presente in un mese.

Questo prodotto è realizzato con il 100% di pura lana vergine di pecora sarda autoctona. Il progetto è stato presentato in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua descrivendolo come un geo tessile intelligente le cui microcelle sono in grado di catturare e trattenere gli idrocarburi petrolchimici.

Geolana è l’habitat ideale per i microrganismi che si nutrono di idrocarburi derivati dal petrolio e di composti azotati deleteri per le acque marine. La lana è stata scelta come materiale per l’assorbimento e la biodegradazione di idrocarburi petroliferi.

geolana mare petrolio

Fonte foto: Ansa

Con Geolana è in arrivo una novità che promette di salvare il mare e di proteggerlo dal petrolio e dall’inquinamento. Dato che viene utilizzato un prodotto di origine animale come la lana di pecora forse i vegani non saranno d’accordo con questo tipo di soluzione.

Meglio allora rivolgersi a delle alternative animal-free? Ad esempio negli Stati Uniti i ricercatori lo scorso anno hanno presentato un nuovo solvente ecologico alla soia per ripulire il mare dal petrolio delle maree nere. Cosa ne pensate?

{youtube}iRe-Uu7qHWk{/youtube}

Marta Albè

Fonte foto: Università di Cagliari

Leggi anche:

frecciaPETROLIO IN MARE: LA BARRIERA CONTRO LE MAREE NERE DEI RAGAZZI DEL POLITECNICO DI TORINO 

frecciaDA INGVI E CNR IL NUOVO SISTEMA PER MONITORARE GLI SVERSAMENTI NEL MEDITERRANEO

frecciaMAREA NERA DEL GOLFO DEL MESSICO: LA BP DOVRA' RISARCIRE 4,5 MILIARDI DI DOLLARI

...continua sulla fonte http://ift.tt/1S8joCO che ringraziamo. http://ift.tt/1RzmRtz

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.