Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

venerdì 22 aprile 2016

Acqua del rubinetto inquinata in Veneto sversate per anni sostanze cancerogene

acque inquinate

Disastro ambientale in Veneto. Per anni l’azienda chimica Miteni di Trissino, in provincia di Vicenza, avrebbe sversato nelle falde acquifere circostanti sostanze perfluoroalchiliche (Pfas), note come cancerogene per l’uomo.

Già un anno fa un fascicolo sull’inquinamento da Pfas era stato aperto dalla Procura di Vicenza, ma rischiava di essere archiviato perché le sostanze incriminate – utilizzate in questo caso per impermeabilizzare pentole e tessuti – non rientravano nella tabella di quelle valutate inquinanti. Settimana scorsa però, Luigi di Maio, vicepresidente Cinque stelle della Camera, ha presentato un nuovo esposto con il presupposto che le Pfas siano state inserite in tabella così come recepito dalle normative europee. In questo modo, lo stesso fascicolo si attualizza e potrebbe diventare più voluminoso se si vanno aggiunti i risultati del biomonitoraggio eseguito dalla Regione con l’Istituto superiore di sanità.

Dal biomonitoraggio è di fatti emerso che nel sangue di 507 veneti esposti all’inquinamento delle falde acquifere da sostanze perfluoroalchiliche (Pfas) sono state trovate concentrazioni “significativamente superiori” rispetto al resto della popolazione, tanto che ora scatterà una maxi-campagna sanitaria dedicata a 250 mila residenti fra le province di Vicenza, Verona e Padova.

L’annuncio è stato dato mercoledì a Venezia, in seguito a un incontro tra Regione, Iss ed esponenti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). La Regione Veneto ha così avviato due linee di sorveglianza: ambientale e sanitaria. Sul fronte ambientale, gli esperti hanno messo in sicurezza l’acqua potabile attraverso filtri a carboni attivi, promuovendo nel 2014 la mappatura dei pozzi privati a uso potabile. Quanto alla salute dei cittadini coinvolti, è stato avviato un monitoraggio sierologico sulla popolazione e uno studio epidemiologico che durerà 10 anni e che comincerà con le 60mila persone maggiormente esposte alle sostanze tossiche.

Acqua contaminata, gli esami

Per le indagini sono stati arruolati 257 residenti nei centri ad alto impatto (Montecchio Maggiore, Lonigo, Brendola, Creazzo, Altavilla Vicentina, Sovizzo e Sarego), 250 abitanti in località scelte per un confronto (Mozzecane, Dueville, Carmignano, Fontaniva, Loreggia, Resana e Treviso) e 120 dipendenti di aziende zootecniche. La ricerca di circa 12 biomarcatori, appartenenti alla famiglia delle Pfas, si è conclusa con risultati maggiori nel campione dei comuni a maggior impatto rispetto a quelli di confronto (con un rapporto di 10 a 1) e, nell’area più a rischio, con esiti più rilevanti nel territorio dell’Usl 5, quella dove si trova lo stabilimento Miteni, rispetto all’Usl 6.

I Pfas si legano alle proteine del plasma e del fegato e vengono eliminate dai reni ma con molta lentezza: tra le conseguenze di una loro alta concentrazione nel sangue ci si sono colesterolo alto, ipertensione, alterazione dei livelli del glucosio, effetti sui reni, patologie della tiroide e, nei soggetti più esposti, tumore del testicolo e del rene.

E l'azienda?

Intanto la Miteni si solleva da ogni responsabilità e precisa in una nota che “la presenza di Pfas nella vasta area non può essere dovuta alla falda dello stabilimento Miteni. Un’area così vasta va necessariamente riferita al sistema di scarichi consortili a cui sono collegate centinaia di aziende del territorio”.

La Miteni, inoltre, dichiara che non produce più Pfos e Pfoa dal 2011, e ancora prima i reflui delle lavorazioni erano inviati a sistemi di trattamento esterni. “Pfos e Pfoa vengono usati tutt’oggi da oltre duecento industrie del settore conciario e manifatturiero presenti nella zona che li acquistano sul mercato estero, imprese che sono allacciate agli stessi scarichi consortili a cui è allacciata Miteni. Le acque in uscita dallo stabilimento di Trissino sono sotto costante controllo, trattate con sistemi che rispondono pienamente alle indicazioni del Consorzio senza che vi sia mai stato alcun superamento dei limiti richiesti. L’azienda ha peraltro investito nel trattamento delle acque e in interventi ambientali negli ultimi anni oltre 15 milioni di Euro”.

Questa la posizione dell’azienda. Il solito scaricabile, ma noi, tra Miteni e le mille concerie lì presenti, non possiamo colpevolizzare nessuno. L’unica cosa che speriamo è presto chi di dovere metta in atto importanti azioni per porre una volta per tutte dei limiti di legge agli scarichi di acque inquinanti nell’ambiente, anche a tutela della popolazione. E faccia pagare ai colpevoli di questa ennesima sciagura ambientale il giusto prezzo.

Germana Carillo

LEGGI anche:

frecciaACQUA POTABILE: AL VIA I CONTROLLI SULLE PERSONE PER GLI EFFETTI DELL'INQUINAMENTO

...continua sulla fonte http://ift.tt/1rqkzYL che ringraziamo. http://ift.tt/23OmdnW

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.