Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

martedì 19 aprile 2016

Allergie in aumento: colpa degli additivi presenti negli alimenti

intolleranze alimentari

Tanti italiani sono alle prese con allergie e intolleranze alimentari sempre più frequenti. Secondo gli esperti la colpa sarebbe dell’eccessiva presenza di additivi all’interno degli alimenti che quotidianamente consumiamo. 

Ad arrivare a questa conclusione sono gli specialisti del settore riuniti a Napoli in occasione del congresso nazionale della Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (SIAAIC). Secondo gli esperti, ogni anno in Italia le persone assumono 1kg di queste sostanze. Gli additivi sono infatti onnipresenti e utilizzati a diverso scopo all’interno di tantissimi cibi e bevande in quanto servono da conservanti, coloranti, stabilizzanti o aromi. Sarebbero proprio questi ingredienti nascosti a far sviluppare nuove intolleranze o vere e proprie allergie.

Leggi anche: frecciaINTOLLERANZE ALIMENTARI: COSA SONO E QUALI TEST FUNZIONANO DAVVERO

"Sono oltre 3000 – ha dichiarato Giorgio Walter Canonica, presidente Siaaic - le sostanze che vengono aggiunte ai cibi per migliorarne la conservazione, per modificarne il sapore o il colore, per aromatizzarli o come antibatterici: dai coloranti come la tartrazina (colorante giallo) e la cocciniglia (colorante rosso), agli antiossidanti, dagli emulsionanti e stabilizzanti come le gomme naturali e la lecitina ai conservanti come benzoati, nitrati e solfiti, fino alla lunga lista degli aromi, i composti potenzialmente allergizzanti sono moltissimi. Il meccanismo attraverso cui gli additivi inducono la reazione non è del tutto noto, ma sappiamo ad esempio che possono interferire con il sistema immunitario, sensibilizzando direttamente attraverso la produzione di anticorpi o modulandone l'attività in senso allergico, ovvero favorendo la sintesi di molecole che facilitano l'insorgenza di allergie".

Secondo gli esperti gli allergici o intolleranti agli additivi sono attualmente il 4% di tutti coloro che già hanno problemi con uno o più cibi, circa 100.000 persone che però nei prossimi anni sono destinate ad aumentare. In questi casi si parla di allergie alimentari 'nascoste' perché spesso sono molto difficili da riconoscere e diagnosticare. Tra queste quella sicuramente più conosciuta e diffusa è l’allergia o intolleranza al nichel, sostanza naturalmente presente in diversi cibi come legumi, cioccolato e noci. Per conoscere i sintomi più frequenti che possono comparire in caso di sensibilità a questo metallo, leggete QUI.

Leggi anche: frecciaNICHEL: 10 ALIMENTI CHE NE CONTENGONO DI PIÙ

Ma come possiamo difenderci dall’invasione di queste sostanze? Molto semplice: come sempre vi consigliamo di acquistare il più possibile cibi freschi, di stagione, biologici e di tornare a preparare le cose da soli in casa evitando prodotti confezionati ricchi di additivi vari e aromi.

 

Francesca Biagioli

Leggi anche:

frecciaGLI ALIMENTI A CUI SI È MAGGIORMENTE INTOLLERANTI

frecciaINTOLLERANZE ALIMENTARI ED ALLERGIE IN AUMENTO. PERCHÉ?

...continua sulla fonte http://ift.tt/1TgCVUG che ringraziamo. http://ift.tt/1rdYJI3

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.