Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

mercoledì 6 aprile 2016

Creme solari: alcune minacciano la fertilità maschile

Creme sole

C’è una correlazione tra creme solari e fertilità maschile? Pare proprio di sì. Sappiamo che, non appena arriva il primo caldo sole, la prima raccomandazione che ci giunge dagli esperti è l’uso delle creme solari, pena qualche pericolosa scottatura o, nel peggiore dei casi, un melanoma. Ma siamo sicuri che queste creme solari non abbiano effetti collaterali

È la domanda che si è posto un team di ricercatori danesi che, in base ad alcune analisi, sono giunti alla conclusione che determinati composti chimici contenuti nei prodotti in commercio, se da una parte proteggono la pelle dagli effetti dannosi dei raggi UVA, dall’altro sortiscono effetti negativi sulla qualità degli spermatozoi.

In pratica, secondo lo studio dell'Università di Copenhagen e del Copenhagen University Hospital presentato al congresso di Boston della Società di Endocrinologia, molti filtri contro i raggi Uv nelle protezioni solari potrebbero interferire con la fertilità maschile aumentando il rischio di sterilità. Alcuni prodotti infatti interferiscono direttamente con gli spermatozoi, mentre altri mimano l'effetto dell'ormone femminile progesterone inducendo dei cambiamenti.

Gli studiosi danesi hanno testato, dal vivo su cellule spermatiche sane, 29 dei 31 filtri Uv presenti nei prodotti in vendita in Europa e negli Stati Uniti: 13 dei 29 filtri testati (il 45%) hanno indotto un afflusso di ioni calcio nello sperma, un processo che interferisce con la normale funzionalità degli spermatozoi. Nel 45% dei casi, cioè, il contatto con il progesterone avrebbe attivato un particolare recettore che porta a sua volta all'apertura dei canali del calcio, aumentandone gli ioni presenti e compromettendone la capacità di fecondazione.

Questi risultati preoccupano e potrebbero spiegare, in parte, il motivo per cui infertilità inspiegata è così prevalenteafferma Niels Skakkebaek, autore principale dello studio. Inoltre, 9 dei 13 filtri Uv testati, simulando l'effetto del progesterone sugli spermatozoi si comportano come dei 'distruttori' endocrini colpendo la motilità degli spermatozoi. "Il nostro lavoro suggerisce che le agenzie di regolamentazione prima dell'approvazione dei filtri Uv nelle creme abbronzanti, dovrebbero approfondire - conclude Skakkebaek - gli effetti di questi scudi solari sulla fertilità”.

Ma le creme a protezione solare non sarebbero gli unici prodotti considerati causa di riduzione della fertilità dei maschietti: rientrano tra questi anche anche il burrocacao, i trucchi e alcune creme idratanti, prodotti che potrebbero contenere gli stessi principi chimici in grado di ridurre la fertilità.

Non ci resta che continuare a dire che dai raggi del sole, ahimè, bisogna comunque continuare a proteggersi. Alternativa a tanti prodotti chimici in commercio ce ne sono eccome, qui trovate la lista scelta da noi delle creme solari con un buon INCI.

Germana Carillo

LEGGI anche:

frecciaCREME SOLARI: ECCO LE MARCHE CHE HANNO FALLITO I TEST DI PROTEZIONE

frecciaCREME SOLARI E AUTO-ABBRONZANTI CREANO CANCRO E INFERTILITA'

frecciaCREME SOLARI: L'80% DEI PRODOTTI NON FUNZIONA O CONTIENE INGREDIENTI PREOCCUPANTI

frecciaBAMBINI: ATTENZIONE ALLE SCOTTATURE ANCHE A PRIMAVERA, RISCHIANO MELANOMA DA ADULTI

...continua sulla fonte http://ift.tt/1SbbzMm che ringraziamo. http://ift.tt/1S1IER0

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.