Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

mercoledì 20 aprile 2016

Il neonato piange: perché cosa fare e come calmarlo

neonato piange

Il neonato piange, non dorme la notte, vuole stare sempre in braccio alla mamma. Che fare? Due le fazioni: rispondere sempre e comunque alle sue richieste oppure lasciarlo piangere per abituarlo a calmarsi da solo. Ebbene questa seconda possibilità sarebbe assolutamente sconsigliata, ecco perché.

Nel corso degli ultimi decenni, alcuni libri e teorie pedagogiche hanno voluto convincere le mamme che far piangere il proprio neonato sia qualcosa di utile e non dannoso. I genitori possono così “educarlo” ad esempio a dormire e a non svegliarsi nel corso della notte. Tra i più noti e utilizzati c’è sicuramente il metodo Estivill.

Eduard Estivill, neuropsichiatra spagnolo, nel lontano 1999 ha pubblicato un libro che è diventato subito la “bibbia” di tante mamme stanche e provate da notti insonni. Prometteva infatti di insegnare un metodo risolutivo per “educare” il bambino a fare la nanna da solo, aspettando (anche se piangeva disperato) determinati intervalli di tempo, dopo i quali si poteva andare ad accudirlo e consolarlo. Tempo che gradualmente andava aumentato fino a che il bambino non imparava a consolarsi da solo e dormire.

Nonostante lo stesso Estivill molti anni dopo abbia ritrattato la sua teoria almeno per i neonati sostenendo che: “Le regole spiegate in 'Fate la nanna’ valevano per i bambini a partire dai tre anni che soffrivano della cosiddetta insonnia infantile per abitudini scorrette”, ancora oggi tante mamme applicano questo metodo sui propri piccoli.

Ma perché i neonati piangono? Cosa esprimono i bambini con il pianto? E cosa può succedere se si lasciano piangere per tanto tempo?

PERCHÉ’ I NEONATI PIANGONO

I motivi per cui un neonato piange possono essere svariati: fame, sete, freddo, caldo, troppa luce, dolori vari, pannolino sporco, bisogno della mamma, ecc. E poi ci sono le coliche! La sera poi di solito si assiste ad un aumento della frequenza del pianto in quanto i piccoli, stimolati nel corso della giornata, rielaborano il vissuto e lo "buttano fuori" nell'unica modalità che attualmente conoscono, appunto piangendo. La mamma generalmente dopo un po’ di tempo impara a capire cosa sta generando il pianto del proprio figlio ma anche se così non fosse quale può essere il vantaggio di lasciar piangere fino allo sfinimento i neonati se non quello di veder rompere il proprio cuore in mille pezzi (oltre che i timpani?).

Nei primi giorni e mesi di vita i piccoli hanno bisogno di nutrimento e per nutrimento non si intende solo cibo ma anche calore e coccole di mamma e papà. Non c’è da dimenticare che fino a poco tempo prima il neonato era in una pancia calda e accogliente fatta di buio, rumori attutiti e costante presenza materna, insomma un ambiente sicuro e protetto, da cui ovviamente all’inizio è difficile distaccarsi.

Il pianto non è altro che l’unico mezzo di comunicazione che ha un neonato per esprimere i propri bisogni e le proprie emozioni e va senza dubbio ascoltato e rispettato, importante far capire ai piccoli che mamma e papà ci sono per loro, sempre! E’ un messaggio subliminale e inconscio quello che passa, ma neanche troppo.

COSA SUCCEDE AL LASCIAR PIANGERE TROPPO UN NEONATO

Ma cosa succede ai bambini che vengono lasciati piangere a lungo? Domanda a cui è difficile rispondere. Quello che è certo è che il livello di stress del bambino aumenta in quanto aumenta la produzione di cortisolo e di altri ormoni dello stress. Questo non è certamente un bene per il giovane sistema nervoso, per lo sviluppo e in generale per tutto l’organismo dei piccoli.

Uno studio di qualche anno fa, condotto dalla psicologa Penelope Leach, si è mostrato convinto della pericolosità di far piangere i neonati in quanto a lungo andare la cosa andrebbe a danneggiare il cervello, influendo negativamente sulla capacità di apprendimento.

“Un bambino lasciato solo alla fine smetterà di piangere non perché abbia imparato a dormire felicemente da solo, ma perché è estenuato e non spera più di ottenere aiuto”.

Ed è proprio questo il messaggio subliminale di cui vi parlavo prima, il bambino lasciato piangere in realtà non impara a rilassarsi ed addormentarsi da solo in maniera sana e naturale ma piuttosto il messaggio che è inutile chiedere aiuto visto che non c’è nessuno pronto a darlo. Un messaggio pericoloso che può avere ripercussioni anche sulla vita affettiva da adulto.

Rispondendo al contrario sempre alle loro richieste di aiuto è possibile soddisfare al meglio i loro bisogni, diminuendo lo stress e facendo in modo di costruire un legame forte genitori-figli che poi si tradurrà in legami positivi con le altre persone che incontreranno nella loro vita.

Tra l'altro, i metodi che lasciano piangere i bimbi aumentando progressivamente il tempo prima di intervenire non hanno molto senso in quanto i piccoli hanno una percezione del tempo che passa completamente diversa da quella degli adulti. Non sanno quindi se hanno pianto minuti o ore e potrebbero continuare molto a lungo, al contrario i bambini i cui bisogni vengono presto soddisfatti (e non si tratta di viziare!) alla lunga piangono molto di meno, acquistano maggiore fiducia in se stessi e diventano indipendenti dai genitori più facilmente.

Tra l’altro sembra che, come sostiene la psicologa Katharina Saalfrank, anche i neonati abbiano paura della morte, perché allora, visto che si può, non permettergli di allontanare le preoccupazioni tra le braccia di mamma? Una buona idea, soprattutto se il bambino è particolarmente “ad alto contatto”, potrebbe essere quella di dotarsi di una fascia porta bebè, in questo modo il piccolo si tranquillizzerà più facilmente e la mamma avrà le mani libere per fare quello che vuole.

Leggi anche: frecciaFASCIA PORTA BEBE': QUALE SCEGLIERE E COME INDOSSARLA

COME CALMARE UN NEONATO CHE PIANGE

Per prima cosa è necessario capire il motivo per cui il bimbo piange e ovviamente agire di conseguenza, se ha fame offrendogli il seno o il biberon, se è stanco cullandolo per farlo addormentare o cantandogli una ninna nanna, se è sporco cambiando il pannolino, ecc. A volte la faccenda potrebbe complicarsi un po', ad esempio in caso del ben note colichette. Leggete i nostri suggerimenti in proposito.

A volte in pianto è dovuto solo al bisogno di contatto con la mamma, in questo caso spesso è sufficiente far sentire la propria presenza, parlare o prendere in braccio il piccolo. Ovviamente se il pianto è continuo e non si capiscono bene le cause meglio sempre rivolgersi al pediatra per accertarsi che il piccolo non abbia dolori o sofferenze di altro genere (tipo problemi di reflusso).

Al di là delle teorie contrastanti comunque, il consiglio che ci sentiamo di darvi è quello di seguire il vostro istinto di mamme che non sbaglia mai e che il più delle volte, a fronte di un problema, vi suggerirà di seguire l'unico metodo davvero infallibile e universale: l'amore!

Francesca Biagioli

Leggi anche:

frecciaRITUALI DELLA BUONANOTTE: COME AIUTARE I NOSTRI BAMBINI AD ADDORMENTARSI CON PIÙ SERENITÀ 

frecciaCOME FAR SMETTERE DI PIANGERE UN NEONATO (VIDEO)

frecciaBESAME MUCHO: COME CRESCERE “NATURALMENTE” E CON AMORE I VOSTRI FIGLI

...continua sulla fonte http://ift.tt/1XIkJVn che ringraziamo. http://ift.tt/1St4ytH

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.