Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

mercoledì 13 aprile 2016

Lettiera per gatti: come scegliere la migliore

lettiera gatti

Come scegliere la lettiera migliore per i nostri gatti? Come possiamo orientarci tra le diverse proposte che troviamo in vendita? Quando andiamo alla ricerca di una nuova lettiera per gatti dobbiamo pensare innanzitutto alle esigenze del nostro amico a quattro zampe.

Aggirandovi tra gli scaffali dei supermercati e dei negozi per animali avrete sicuramente notato la presenza di lettiere di diverso tipo: lettiere minerali in bentonite, lettiere di silicio e lettiere vegetali, realizzate ad esempio dagli scarti del mais, con la carta o con i pellet.

Per approfondire l’argomento e per capire quale lettiera scegliere per rendere felici i nostri gatti e per rispettare l’ambiente abbiamo contattato la dott.ssa Sonia Campa, istruttrice cinofila, consulente per la relazione uomo-gatto, membro del comitato scientifico della Scuola di Interazione Uomo-Animale (SIUA) e autrice del sito web Pet Ethology.

Lettiera per gatti: quale scegliere

lettiera gatti

Secondo l’esperta, dobbiamo tenere conto di alcuni aspetti molto importanti quando scegliamo e quando utilizziamo una lettiera per gatti:

1) Lettiera per gatti a grana fine

Dovremmo preferire le lettiere a grana sottile, perché creano un substrato morbido che permette ai gatti di scavare senza problemi. In natura un gatto sceglierebbe di scavare nella sabbia e non su un terreno duro e difficile.

2) Lettiera per gatti a grana grossa

Alcune lettiere a grana grossa e le lettiere in pellet potrebbero non essere gradite ai nostri gatti. Per loro sarebbe difficile fare le buche. Il vostro micio non riesce a prendere confidenza con la nuova lettiera? Allora dovreste tenere in considerazione questo aspetto nella scelta.

3) Quanta sabbia mettere nella lettiera

Lo strato della lettiera deve essere di almeno 5 centimetri in modo che i gatti possano utilizzarla agevolmente. Uno strato troppo sottile non permette di scavare come si deve.

4) Grandezza della lettiera

Le dimensioni del contenitore della lettiera devono essere adatte innanzitutto all’età del gatto. Poi starà a noi trovare all’interno della nostra casa lo spazio sufficiente dove collocarle. Una lettiera piccola va bene per un cucciolo mentre i gatti adulti hanno bisogno di una lettiera più grande in cui possano entrare e sedersi senza problemi.

5) Lettiera a perta o chiusa?

Meglio una lettiera aperta o una lettiera chiusa? Secondo l’esperta la scelta deve basarsi sulle abitudini del gatto. Quindi dovremmo osservare il suo comportamento. Ad esempio alcuni gatti potrebbero non amare le lettiere chiuse e preferire quelle aperte.

Lettiera in cristalli di silicio: meglio evitarla?

lettiera gatti silicio

La dott.ssa Campa sconsiglia le lettiere in silicio. Sono controindicate perché il silicio punge i polpastrelli dei gatti. Dunque questo tipo di lettiera può infastidire i nostri amici a quattro zampe che potrebbero non gradirla.

Dal nostro punto di vista, aggiungiamo anche che le lettiere al silicio sono considerate inquinanti. Inoltre, esiste il dubbio che il silicio possa provocare delle allergie. I gatti possono essere allergici a diverse sostanze, un po’ come noi umani. Dato che per quanto riguarda le lettiere al silicio esistono alcune perplessità, possiamo optare per delle alternative migliori.

Qual è la lettiera per gatti migliore?

Se vogliamo trovare un giusto compromesso tra necessità dei nostri gatti e rispetto dell’ambiente, secondo l’esperta la soluzione migliore è la lettiera di mais a grana fine e agglomerante. La grana fine permette ai gatti di scavare le loro buche senza problemi. La produzione della lettiera avviene grazie al riutilizzo degli scarti agricoli del mais. La sua composizione vegetale rende la lettiera compostabile o smaltibile nel WC. Il fatto che sia agglomerante semplifica l’utilizzo soprattutto dal punto di vista della pulizia e della rimozione dei residui.

Lettiere per gatti biodegradabili e vegetali

Un esempio di lettiera per gatti biodegradabile e vegetale realizzata con gli scarti di mais è la lettiera Siria, che viene prodotta in Italia, in provincia di Treviso. Si tratta di una lettiera agglomerante composta da granuli di tulolo di mais. Il tulolo è una parte del mais non commestibile che si trova all’interno delle pannocchie. Non contiene silicio o altri elementi minerali che potrebbero risultare dannosi per gli animali e per l’ambiente. Rispetto a una lettiera di bentonite, questa lettiera ottenuta dagli scarti del mais che altrimenti marcirebbero nei campi, è molto leggera.

La leggerezza di questo tipo di lettiere ne aumenta la resa e la rende più facile da trasportare per noi (un bel beneficio per le nostre schiene!). Un sacchetto da 7 litri, per un gatto di media taglia, dura almeno un mese. Per mantenere la lettiera pulita basta rimuovere ogni giorno con una paletta forata le parti agglomerate e riempire gli spazi vuoti con nuovi granuli. Attenendovi alle indicazioni del vostro Comune smaltirete i grumi della lettiera nel bidone dell’umido urbano, nel WC di casa (non ci sono problemi per le tubature) o nel compostaggio domestico.

lettiera vegetale siria lettiera di mais compostabile

 

Lettiera per gatti: come sceglierla e utilizzarla

Ecco ancora qualche consiglio sulla scelta e sull’utilizzo delle lettiere per gatti, tratto da ‘Mettici lo zampino’, il libro della nostra Roberta Ragni dedicato alle idee fai-da-te e ai rimedi naturali per cani e gatti.

1) Quante lettiere comprare?

Il numero delle lettiere deve esser pari al numero di gatti più uno. Nel caso delle lettiera nel mobile non devono esserci problemi di convivenza tra i mici, perché vicino alle lettiere di tipo chiuso il gatto più ‘despota’ potrebbe fare mobbing sugli altri, impedendo loro di accedervi.

2) Altezza della lettiera per gatti

L'altezza delle pareti della vostra lettiera deve variare considerando anche le difficoltà che cuccioli e anziani possano avere nell’accedervi.

3) Quando cambiare la lettiera

Il nostro micio non ama utilizzare una lettiera sporca. La sabbietta dovrebbe essere sempre ben pulita regolarmente e sostituita completamente almeno una volta a settimana.

4) Come pulire la lettiera

Per la pulizia della lettiera non usate prodotti detergenti molto profumati che potrebbero infastidirlo. Per lavarla l'ideale è usare acqua calda, sapone neutro e bicarbonato. Per rimuovere i cattivi odori, riempitela con acqua calda, versate al suo interno del bicarbonato di sodio (2 cucchiai di bicarbonato per 1 litro d’acqua), lasciate agire e risciacquate.

freccia

Leggi anche: Come pulire e sterilizzare la lettiera del gatto in modo naturale

5) Lettiera per gatti autopulente

La lettiera autopulente è una lettiera facile da pulire perché è dotata di una speciale griglia e di un sistema di rotazione che permettono di separare i grumi da eliminare dalla parte da utilizzare ancora. Nella lettiera autopulente dovrete versare una sabbietta per gatti agglomerante. 

Quale tipologia di lettiera per gatti scegliete di solito? Avete notato se i vostri gatti hanno delle preferenze da questo punto di vista?

Marta Albè

Leggi anche:

frecciaI MIGLIORI PRODOTTI ECOLOGICI PER GATTI

freccia10 TRUCCHI E RIMEDI NATURALI CONTRO I CATTIVI ODORI IN CASA

frecciaDIARREA IN CANI E GATTI: CAUSE E RIMEDI NATURALI PER CURARLA

 

...continua sulla fonte http://ift.tt/2605vAF che ringraziamo. http://ift.tt/1SfEFk0

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.