Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

mercoledì 20 aprile 2016

Quando lorto verticale arriva a scuola (FOTO)

orto verticale a scuola

Coltivare l’orto a scuola per avvicinarsi alla natura e per imparare da dove arriva il cibo che mettiamo nei nostri piatti. Nelle scuole dell’infanzia di Milano arriva l’orto verticale grazie a un’iniziativa che vuole dare uno spunto didattico per una nuova educazione civica.

Gli orti verticali per le scuole si diffondono a Milano con il progetto “Riciclo e Coltivo, l’orto verticale arriva a scuola”, incentrato sul riciclo della plastica e sulla promozione della raccolta differenziata degli imballaggi. Dalla plastica riciclata infatti sono nati gli scaffali per l’orto verticale. Il materiale recuperato dai piatti di plastica e da altri imballaggi si è trasformato in nuovi oggetti utili e resistenti.

Così gli orti verticali che sono pronti ad arrivare nelle scuole saranno robusti e pronti ad essere utilizzati a partire dagli scaffali che ospiteranno le coltivazioni dei bambini. Sia i più piccoli che le educatrici della scuola dell’infanzia avranno una nuova possibilità pratica per coltivare l’orto, anche in quelle realtà dove lo spazio non sarebbe sufficiente per dare vita ad un orto vero e proprio.

Gli orti sono già presenti in diverse scuole milanesi e si diffonderanno ancora di più grazie ai nuovi orti verticali che permetteranno di coltivare piante aromatiche e ortaggi e di osservare da vicino la loro crescita, fino al raccolto.

Grazie agli orti verticali i bambini scopriranno anche come realizzare il compost a partire dagli scarti alimentari, come le bucce della frutta e della verdura. Il compost naturale servirà per concimare le piantine dell’orto.

Le scuole che parteciperanno all’iniziativa riceveranno un kit in plastica riciclata composto da uno scaffale a più ripiani, da 12 vasi e da un innaffiatoio. Tra le piante che verranno coltivate negli orti verticali delle scuole dell’infanzia milanesi troviamo basilico, prezzemolo, maggiorana, misticanza, ravanello, lattughino riccio, pisello nano, spinacino e pomodoro.

Gli educatori potranno insegnare ai bambini il valore di gesti civici come la raccolta differenziata e la coltivazione dell’orto. L’operazione ha garantito il recupero e il riciclo di 12 mila kg di imballaggi in plastica.

corepla ingegnoli iacono cappelli

orto verticale

orto con scolari

“Seminare e veder crescere le piante aromatiche più comuni come basilico, maggiorana, prezzemolo è un percorso educativo che appassiona molto i bambini, fin da piccoli” - ha dichiarato Francesco Cappelli, l’assessore all’Educazione e all’istruzione.

L’idea è nata da una collaborazione tra Milano Ristorazione, Comune di Milano, Corepla e Amsa con l’obiettivo di ridare nuova vita alle stoviglie di plastica che sono ancora in uso nei refettori scolastici delle scuole dell’infanzia. Nelle scuole milanesi la raccolta differenziata legata al servizio mensa è già attiva e questo tipo di iniziativa ha contribuito a rendere proprio Milano la prima in classifica tra le più grandi città italiane per la raccolta differenziata della plastica.

Speriamo che anche grazie a questa iniziativa gli orti nelle scuole siano sempre più presenti. Cosa ne pensate? Nelle scuole dei vostri bambini si coltiva già l’orto?

Marta Albè

Leggi anche:

frecciaBIO ORTI NELLE SCUOLE: NASCONO I PICCOLI AGRICOLTORI BIO

frecciaLA SCUOLA MATERNA CHE INSEGNA FIN DA PICCOLI A COLTIVARE IL PROPRIO CIBO

frecciaORTO SCOLASTICO: LE VERDURE SI COLTIVANO TRA I BANCHI DI SCUOLA

...continua sulla fonte http://ift.tt/26ewQzf che ringraziamo. http://ift.tt/1qDC4Uo

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.