Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

mercoledì 27 aprile 2016

Sambo, l’elefantessa morta dopo aver trasportato centinaia di turisti in Cambogia (FOTO)

elefantessa sambo

Non c’è pace per gli elefanti. Continua, purtroppo, la piaga del loro sfruttamento per trasportare i turisti. L’elefantessa Sambo è l’ultima vittima a noi nota. E’ morta in Cambogia dopo una vita molto faticosa.

L’elefantessa si è accasciata a terra all’improvviso in una giornata di caldo torrido. Sarebbe morta di infarto per via delle alte temperature che l’hanno sfinita ma le cause potrebbero essere ben altre.

Infatti Sambo era una dei tanti elefanti che in Cambogia vengono utilizzati come attrazione turistica e come mezzo di trasporto per i viaggiatori. Purtroppo questi elefanti vengono maltrattati e considerati come una mera fonte di guadagno da chi lavora a contatto con i viaggiatori.

Un post pubblicato su Facebook da Yem Senok lo scorso 22 aprile mostra le immagini dell’elefantessa Sambo ormai accasciata a terra. Secondo gli animalisti, l’elefantessa è morta perché è rimasta senza forze dopo aver trasportato centinaia di turisti negli ultimi anni nella località di Angkor Wat.

Una petizione per fermare lo sfruttamento degli elefanti in Cambogia ha raccolto 14 mila firme in sole 48 ore dopo la notizia della scomparsa dell’elefantessa. Sambo è morta dopo aver trasportato due turisti, uno alla volta, per 40 minuti, accompagnandoli da un tempio all’altro in un antico sito archeologico. Sambo aveva tra i 40 e i 45 anni.

Secondo il veterinario che è intervenuto per verificare l’accaduto, Sambo è morta di infarto a causa delle temperature elevate e della mancanza di vento. L’elefantessa lavorava per la Angkor Elephant Company dal 2001.

Gli attivisti della Cambogia sperano che la tragica morte di Sambo possa condurre alla messa al bando dello sfruttamento degli elefanti nel settore turistico. I turisti possono pensare che cavalcare un elefante in vacanza non provochi nessuna conseguenza negativa, ma gli elefanti purtroppo vengono maltrattati in continuazione e dunque è giunto il momento di dire basta.

Il mese scorso il World Animal Protection Group ha annunciato di voler intervenire per supportare più di 100 operatori del turismo per fermare gli abusi sugli elefanti per l’intrattenimento dei viaggiatori.

elefantessa sambo 1

elefantessa sambo 2

elefantessa sambo 3

elefantessa sambo 4

Lo sfruttamento degli elefanti non avviene soltanto in Cambogia e in Thailandia. In Italia infatti i circhi con gli animali sono ancora permessi. La speranza è che il nuovo Ddl sull’argomento, da poco giunto in Senato, possa metterli al bando in nome di un circo senza animali e senza sfruttamento.

Firma qui la petizione per dire stop allo sfruttamento degli elefanti.

Marta Albè

Fonte foto: Yem Senok

Leggi anche:

frecciaELEFANTI TORTURATI PERCHÉ I TURISTI POSSANO CAVALCARLI: UNA PETIZIONE PER DIRE STOP AI MALTRATTAMENTI (FOTO)

frecciaLA SCIOCCANTE VERITÀ DIETRO IL TURISMO SUGLI ELEFANTI IN THAILANDIA

frecciaADDIO ALL'ELEFANTE DEL CIRCO TOGNI, MORTO A REGGIO CALABRIA

 

...continua sulla fonte http://ift.tt/1SrsVZY che ringraziamo. http://ift.tt/1Nz4klN

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.