Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

venerdì 13 maggio 2016

Allarme smog: l’80% dei cittadini delle aree urbane monitorate respira aria inquinata

Secondo i dati diffusi dall’OMS, nonostante i miglioramenti registrati in alcune aree geografiche, nel quinquennio 2008-2013 i livelli globali di inquinamento atmosferico sono cresciuti dell'8%, con situazioni sensibilmente più gravi nelle regioni più povere.

Nei Paesi a medio e basso reddito, infatti, l’98% delle città con oltre 100 mila abitanti non rispetta i parametri OMS per la qualità dell’aria; una percentuale che scende al 56% se si considerano invece i Paesi più ricchi, Europa e Americhe in testa.

L’aria peggiore si respira in alcune città del Medio-Oriente e del Sud-Est asiatico: in queste zone, infatti, i limiti stabiliti dall’OMS vengono superati, in media, circa 5-10 volte l’anno e, in ben due terzi dei centri urbani, il livello di inquinamento atmosferico è cresciuto del 5% in cinque anni.

Aria avvelenata, insomma, che nuoce gravemente alla salute: secondo le stime, infatti, ogni anno l’inquinamento atmosferico causa più di 3 milioni di morti premature in tutto il mondo, in particolare per patologie respiratorie e cardiovascolari.

"L'inquinamento atmosferico urbano continua ad aumentare ad un ritmo allarmante, con pesanti conseguenze sulla salute umana.” – ha commentato in proposito Maria Neira, responsabili OMS per la salute pubblica e l’ambiente - "Allo stesso tempo, però, è in aumento la consapevolezza, e sono sempre di più le città che monitorano la qualità dell'aria. Quando la qualità dell'aria migliora, le malattie respiratorie e cardiovascolari diminuiscono.”

Ridurre le emissioni industriali, aumentare il ricorso a fonti di energia rinnovabili, come solare ed eolico, e considerare prioritario lo sviluppo di soluzioni di mobilità alternative all’auto all’interno dei centri urbani, ricorrendo ad esempio alle piste ciclabili, sono solo alcune delle strategie che è possibile mettere in campo per migliorare la qualità dell’aria che si respira nelle nostre città e proteggere la salute dei cittadini.

“È fondamentale per la città e per i Governi nazionali fare della qualità dell'aria urbana una priorità per la salute e per lo sviluppo.” – avverte Carlos Dora dell’OMS - "Quando la qualità dell'aria migliora, i costi sanitari per le malattie connesse all'inquinamento atmosferico si riducono, la produttività dei lavoratori aumenta e l'aspettativa di vita cresce."

Il monitoraggio della qualità dell’aria portato avanti dall’OMS comprende 3000 centri urbani di 103 Paesi diversi, consentendo di avere un quadro piuttosto ampio della situazione a livello mondiale. Rimangono scarsi i dati riguardo all’inquinamento urbano dei Paesi africani, anche se le (poche) rilevazioni disponibili rivelano livelli di particolato al di sopra della media.

Lisa Vagnozzi

LEGGI anche

frecciaInquinamento: Oms, provoca nel mondo 1 decesso su 4

frecciaMal’aria 2016: quanto è inquinata la tua città?

frecciaEmergenza smog: cosa possiamo fare per salvarci i polmoni?

...continua sulla fonte http://ift.tt/1OnwrVo che ringraziamo. http://ift.tt/1Wu8VJm

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.