Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

lunedì 16 maggio 2016

Disastro ambientale in Vietnam: la strage dei pesci di cui nessuno parla

Molti vietnamiti – e in particolare i pescatori, la cui attività è stata messa in crisi dall’emergenza – ne attribuiscono la responsabilità ad un impianto industriale che produce acciaio, di recente costruzione e di proprietà della taiwanese Formosa Plastic Group, che avrebbe riversato sostanze contaminanti nell’ambiente circostante, inquinando lunghissimi tratti di costa.

Un’accusa che l’azienda ha respinto con fermezza, sottolineando di essere dotata di un sistema di gestione delle acque reflue, e che, almeno per il momento, le autorità vietnamite non hanno neppure preso in considerazione. Con ogni probabilità, il loro silenzio, che sta scatenando indignazione e critiche da parte della popolazione, dipende dai dieci miliardi di dollari investiti dalla Formosa Plastic Group nel progetto industriale: una cifra decisamente ingente, che il Governo non vuole assolutamente perdere.

Anche perché, all'inizio della vicenda, un portavoce del gruppo industriale taiwanese aveva posto una sorta di out-out: da un lato, infatti, aveva affermato che non esistono prove che leghino l’impianto industriale alla moria di pesci, dall’altro aveva lasciato intendere che il Vietnam dovrebbe essere pronto ad accettare dei “compromessi ambientali” in nome del progresso industriale.

Affermazioni gravissime, sconfessate poi dalla stessa azienda, che si è scusata e ha annunciato sanzioni a carico dell'incauto portavoce, ma che hanno immediatamente scatenato numerose proteste sui social media, dove si è rapidamente diffuso l’hashtag #Ichoosefish. E alle proteste via web si sono aggiunte anche delle manifestazioni di piazza, un evento piuttosto raro nel Paese asiatico, per chiedere al Governo la massima trasparenza sulla vicenda. Proteste pubbliche che, per quanto pacifiche, non sono andate giù alle autorità, che hanno reagito con azioni repressive.

Resta il fatto che, nel corso dell'ultimo mese, un tratto di circa duecento chilometri di costa è stato “invaso” da pesci e molluschi morti: uno spettacolo raccapricciante, oltre che un danno ambientale incalcolabile, che potrebbe avere gravissime ripercussioni anche sulla salute pubblica, dato che i prodotti ittici sono parte integrante della dieta della popolazione vietnamita. C’è infatti il sospetto che parte di questo pesce contaminato possa finire o sia già finito nei mercati e sulle tavole, con conseguenze difficilmente stimabili.

Lisa Vagnozzi

Photo Credits

Disastro ambientale in Vietnam: strage di pesci a causa dell'inquinamento industriale

LEGGI anche

 
...continua sulla fonte http://ift.tt/1OvGR00 che ringraziamo. http://ift.tt/1TjqdFc

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.