Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

lunedì 2 maggio 2016

Il Kenya brucia la più grande riserva di avorio del mondo per dire no al bracconaggio (VIDEO)

avorio kenya

Il Kenya ha bruciato la più grande riserva d’avorio del mondo. Le zanne provenienti da più di 600 elefanti uccisi illegalmente sono state date alle fiamme nel parco nazionale di Nairobi per attirare l’attenzione sulla crisi del bracconaggio. Il traffico illegale di avorio è legato al terrorismo e serve a finanziare le armi.

Si è trattato del più grande rogo di avorio nella storia della lotta contro il bracconaggio. L’evento si è svolto sabato 30 aprile ed ha ricevuto il supporto di diverse organizzazioni tra cui l’Africa Wildlife Foundation, Stop Ivory e Save The Elephants.

La cerimonia è avvenuta alla presenza del presidente del Kenya, Uhuru Kenyatta, che si impegnerà per la totale messa al bando del commercio di avorio, una pratica che nel corso del tempo ha portato all'ingiusta uccisione di migliaia di elefanti con il solo scopo di accumulare profitti.

Purtroppo il futuro degli elefanti e dei rinoceronti in Africa è tutt’altro che al sicuro. Le 11 pire preparate per il rogo comprendevano non solo 105 tonnellate di avorio proveniente dalle zanne d’elefante ma anche 1,5 tonnellate di corni di rinoceronte.

Dal 2008 al 2013, secondo la Born Free Foundation, sono stati uccisi da 30 mila a 50 mila elefanti ogni anno in Africa, dove il tasso delle uccisioni ha superato quello delle nascite. Dopo il rogo in Kenya ora sarebbero rimaste soltanto 20 tonnellate di avorio, che si trovano ancora coinvolte in un processo legale.

Il Kenya decise di bruciare l’avorio per la prima volta nel 1989, sotto il presidente Daniel Arap Mi, come segno della propria volontà di proteggere con determinazione la popolazione degli elefanti rimasti nel Paese. Nei 15 anni precedenti la presenza degli elefanti era calata del 90%, da 168 mila a 15 mila esemplari.

{youtube}-ZndfRAPqYI{/youtube}

Ora i presidenti di Kenya, Gabon, Uganda e Botswana si incontreranno per discutere come prevenire l’uccisione illegale degli elefanti per il commercio di avorio. Se ne parlerà in occasione della prossima Convenzione sul commercio illegale delle specie in pericolo (CITES) che si svolgerà a Johannesburg a settembre 2016. 

{youtube}g18Nm6PEwDU{/youtube}

Marta Albè

Fonte foto: The Guardian

Leggi anche:

frecciaLO SRI LANKA DISTRUGGE LE RISERVE DI AVORIO E DEDICA UNA CERIMONIA RELIGIOSA AGLI ELEFANTI

frecciaAVORIO: HONG KONG PRONTA FINALMENTE A FERMARE IL COMMERCIO

frecciaSTOP AL COMMERCIO D'AVORIO: L'ANNUNCIO DELLA THAILANDIA ALLA CITES

...continua sulla fonte http://ift.tt/1rcB8H5 che ringraziamo. http://ift.tt/24ilSdu

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.