Europa segreteria.atma@gmail.com +13017448259 mutantitv

Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"

mercoledì 1 giugno 2016

Leonardo DiCaprio dona 650mila dollari per contrastare i cambiamenti climatici

leonardo di caprio cambiamenti climatici

Una bella cifra che permetterà a R20 di individuare e finanziare le migliori iniziative del settore energetico e di quello delle infrastrutture con il potenziale per creare benefici ambientali e sociali positivi per le comunità di tutto il mondo.

Nel 2010 l'ex governatore Arnold Schwarzenegger e altri leader mondiali, in collaborazione con le Nazioni Unite, fondarono la R20, una coalizione di governi regionali nata con lo scopo di lavorare insieme per promuovere e realizzare progetti di riduzione delle emissioni e del consumo di energia, per limitare la produzione di gas serra e di conseguenza per migliorare la salute pubblica e le economie locali.

Dopo la ratifica dell'accordo di Parigi ad aprile, la R20 e la Leonardo DiCaprio Foundation hanno annunciato la formazione di una nuova partnership per accelerare le soluzioni destinate a contrastare i cambiamenti climatici.

In particolare, R20 e DiCaprio stanno seguendo la Cities Climate Finance Leadership Alliance (CCFLA), lanciata dal Segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon nel 2014 per incoraggiare gli investimenti a favore della riduzione delle emissioni, delle città resilienti e per ridurre il divario di investimenti a favore dei progetti rispettosi del clima nelle aree urbane. In questo contesto, R20 svilupperà tali progetti e riferirà sul loro impatto concreto.

“Mi congratulo con la Leonardo DiCaprio Foundation e R20 per aver sostenuto gli obiettivi del CCFLA. Partnership come questa rafforzano l'impegno per sbloccare miliardi di dollari di investimenti privati a favore di progetti che affrontano nell'immediato i cambiamenti climatici”, ha detto il segretario generale Ban Ki-moon. “Li ringrazio per il loro impegno per l'ambiente, e per il futuro dell'umanità”.

L'accordo sottoscritto a Parigi durante la Cop21 infatti è solo un inizio, molto deve essere fatto per ottenere risultati concreti e per limitare l'aumento globale delle temperature.

Per approfondire: COP21: CHI SALVERÀ IL CLIMA? PRO E CONTRO DELL'ACCORDO DI PARIGI

1 I limiti sono tanti, per questo occorre agire anche su altri fronti, come ha sottolineato lo stesso DiCaprio:

“L'accordo di Parigi è stato un primo passo importante per ridurre le emissioni globali di carbonio, ma deve essere fattodipiù per raggiungere questo importante obiettivo. La nostra partnership con R20 è un segnale del fatto che le organizzazioni private debbano prendersi la responsabilità di accelerare l'adozione di tecnologie rispettose del clima in tutto il mondo. Invitiamo gli altri a seguire il nostro esempio, perché il nostro pianeta è corto di tempo”.

Fatti, non solo azioni. E DiCaprio questo lo sa bene.

Redazione greenMe.it

LEGGI anche:

LEONARDO DICAPRIO AL FIANCO DEI SIOUX PER FERMARE L'OLEODOTTO (PETIZIONE)

LEONARDO DICAPRIO COMPRA LE AZIONI DI UN'AZIENDA BIO E LE REGALA AGLI AGRICOLTORI INDIGENI DELLA FORESTA AMAZZONICA

5 COSE CHE LEONARDO DI CAPRIO HA FATTO PER L'AMBIENTE NEL 2015

THE REVENANT - REDIVIVO: ECCO PERCHÉ L'ULTIMO FILM DI DI CAPRIO È UN INNO ALLA NATURA

LEONARDO DI CAPRIO DICE NO ALL'OLIO DI PALMA: FERMIAMO LA DEVASTAZIONE DELLE FORESTE

LEONARDO DICAPRIO IN DIFESA DELLE FORESTE INDONESIANE MINACCIATE DALL'OLIO DI PALMA (VIDEO)

...continua sulla fonte http://ift.tt/1P4Haz5 che ringraziamo. http://ift.tt/1VvGMAe

La nostra Associazione Culturale

Visita anche il nostro





Associazione Coscienza Spirituale "Sole e Luna"



youtube.com/FinestraLiberaEu1 clicca qui!
Contatti: segreteria.atma@gmail.com

Popular Posts

Social

Instagram


Radio


clicca qui
versione MP3 server clicca qui


Post Archivio

Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità (è solo un aggregatore). Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Immagini e testi pubblicati sono tratti da Internet o di proprietà di chi le invia e quindi valutati di pubblico dominio (è consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro), in caso contrario contattarci (finestralibera@gmail.com) per l'immediata rimozione.